Pubblicato: ven 23 Mar 2018

Caltagirone, mal di pancia della maggioranza in Consiglio comunale

Share This
Tags

ph. Il Sette e Mezzo

Roberto Gravina si è autosospeso dalla maggioranza, dicendo che continuerà a supportare il sindaco “ma non i singoli assessori, per mancanza di dialogo con questi ultimi”. Critici anche Domenica e Gozza.Trattate diverse interrogazioni.

Il potere logora chi non ce l’ha, soleva Giulio Andreotti. Ma a volte è vero esattamente il contrario. È quanto all’interno della maggioranza a Palazzo dell’Aquila di Caltagirone: non è rottura, piuttosto fibrillazioni, sfilacciamenti, mal di pancia, qualche linea di febbre. Ed è ancora irrisolto il nodo dell’assessore alla Cultura, seggio ancora vuoto nella Giunta comunale dopo le dimissioni dell’assessore Dicara avvenute 9 mesi fa, il 21 giugno dell’anno scorso a seguito di una denuncia per abbandono di 4 cuccioli meticci di cane.

Il Consiglio comunale, nel corso della seduta di ieri sera, ha prima osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime della guerra civile in Siria. Poi ha dato spazio a numerose comunicazioni. Roberto Gravina si è autosospeso dalla maggioranza, dicendo che continuerà a supportare il sindaco “ma non i singoli assessori, per mancanza di dialogo con questi ultimi”. Lara Lodato ha sollecitato “la presenza di un vigile urbano davanti la scuola di via Gela” e “l’illuminazione dell’intero prospetto del municipio in occasione della prossima Giornata sull’autismo”. Marco Failla ha chiesto “se esista più una maggioranza in Consiglio e se e quando sarà nominato l’assessore alla Cultura”. Aldo Lo Bianco ha stigmatizzato “le perduranti perdite d’acqua, causa di umidità e muffa, nel nido Arcobaleno, che denotano pressapochismo amministrativo”. Mario Polizzi ha reclamato “attenzione alla promozione dei principali eventi e della realtà locali che si guadagnano apprezzamenti all’esterno”. Maria Di Costa ha evidenziato “la necessità di interventi di scerbatura in via Sacrestia e di manutenzione per le buche pericolose in via Gelone”. Vincenzo Di Stefano, alla luce di un recente incarico legale, ha chiesto “se sia cambiata la strategia dell’Amministrazione nell’interlocuzione col ministero sull’utilizzabilità dei 16 milioni di euro residuati dall’attività della Commissione di liquidazione”. Sergio Domenica, vista una recentissima iniziativa sulle barriere architettoniche, ha lamentato “il mancato coinvolgimento” della III commissione, “che però ha lavorato molto e già prodotto significativi risultati nella materia”. Il consigliere Gravina ha proposto una sospensione “per un’eventuale mozione di censura verso qualche assessore”, al ritorno dalla quale i capigruppo dell’opposizione hanno comunicato che valuteranno di proporla nei confronti di alcuni assessori “non rispettosi delle prerogative del Consiglio”. Vincenzo Gozza, evidenziando eventuali violazioni, ha poi sollecitato “la puntuale verifica del rispetto dei contratti per affidamenti di servizi all’esterno”. Critica con la maggioranza Elisa Privitera, che ha parlato di “incipiente terremoto in Consiglio”.

Il vicesindaco Sergio Gruttadauria ha illustrato le iniziative in corso di realizzazione o in programma “per risolvere le problematiche lamentate”. Per esempio, ha annunciato “attività di promozione della città già in corso, l’impegno concreto e foriero di risultati sul bilancio, i prossimi lavori nel nido Arcobaleno e nelle zone segnalate” e spiegato che “le iniziative dell’Amministrazione sulle barriere ben si legano al lodevole lavoro sin qui svolto dalla commissione”.  

Trattate successivamente 5 interrogazioni: di Lara Lodato “sulle problematiche di via Gela e sulla mancata sicurezza strutturale nel quartiere Canalotto”; della stessa Lodato “sul degrado nella zona di via Vaccaro (vicino a Lidl), “sulle diverse criticità, dal manto stradale dissestato, alle carcasse di auto abbandonate, del quartiere Semini” e sul Piano di miglioramento dell’efficienza dei servizi della Polizia municipale; di Simone Amato sull’eventuale utilizzo di glisofato negli interventi di disinfestazione e derattizzazione. Anche in questi casi ha risposto il vicesindaco Gruttadauria, soffermandosi “su quanto approntato o programmato dall’Amministrazione, per ciò che attiene alle proprie competenze, per risolvere le problematiche evidenziate e andare incontro ai cittadini”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>