Pubblicato: mer 11 Lug 2018

Muos, il Procuratore di Caltagirone Verzera impugna la sentenza di assoluzione: “È abusivo”

Share This
Tags

ph. Il Sette e Mezzo

Per il Procuratore di Caltagirone Giuseppe Verzera, che a suo tempo ordinò il sequestro dell’impianto, poi dissequestrato dal tribunale del Riesame di Catania, la struttura è abusiva.

La Procura di Caltagirone ieri ha impugnato davanti alla Corte di Appello di Catania la sentenza Muos, emessa lo scorso 5 aprile, che ha assolto gli imputati perché il fatto non sussiste ritenendo le opere legittime. Era una sentenza molto attesa quella sul Muos, il contestato sistema di comunicazione satellitare della Marina statunitense sito in contrada Ulmo a Niscemi. A processo erano  quattro dei sette imputati, accusati di aver edificato l’impianto del Muos “senza la prescritta autorizzazione, assunta legittimamente o in difformità da essa”. Alle 13.30 del 5 aprile,  al termine del giudizio abbreviato, in camera di consiglio, la doccia fredda, quando il giudice monocratico Cristina Lo Bue  ha letto il dipositivo:  assolti tutti i quattro imputati “perché il fatto non sussiste” e “rigetto della richiesta di confisca della struttura”.

La Procura calatina aveva chiesto un anno di arresto e 20 mila euro di ammenda ciascuno, oltre alla confisca della struttura per Giovanni Arnone, che dirigeva l’Assessorato regionale territorio e ambiente della regione Sicilia e siglò il procedimento di autorizzazione del Muos; Mauro Gemmo, presidente della Gemmo SPA, ditta vicentina, general contractor con il governo americano, che ricevette  l’assegnazione dei lavori dal cittadino americano Gelsinger, (la Gemmo fu nel 2008 finanziatrice con 15 mila euro del Movimento per le Autonomie di Raffaele Lombardo); la titolare della Calcestruzzi Piazza Srl Concetta Valenti e il responsabile della PB Costruzioni Carmelo Puglisi.

Per la vicenda Muos sono in attesa di giudizio altri tre imputati, rinviati a processo, con rito ordinario, con la medesima accusa di abusivismo edilizio e violazione della legge ambientale: la responsabile di LAGECO, Adriana Parisi, ditta che si è aggiudicata l’appalto del 2007 per la costruzione del Muos e che insieme alla GEMMO S.P.A. formò una A.T.I., denominata “Team Muos Niscemi”; il direttore dei lavori Giuseppe Leonardi e la rappresentante legale Maria Rita Condorelli della C.R. Impianti Srl. La prima udienza del processo si è celebrata ieri.

È stata stralciata, invece, la posizione di un ottavo imputato, Mark Andrew Gelsinger, in quanto competente a decidere è l’autorità americana.

Più volte il Procuratore di Caltagirone Giuseppe Verzera, che a suo tempo ordinò il sequestro dell’impianto, poi dissequestrato dal tribunale del Riesame di Catania, e che ha traghettato la delicata inchiesta sino al rinvio  a giudizio per i sette indagati, ha ribadito il suo convincimento che la struttura fosse abusiva. «Noi riteniamo – dichiarò ai nostri microfoni il 4 giugno 2016 –  che il Muos sia stato realizzato in una località dove vi è un vincolo di inedificabilità assoluta. Noi abbiamo una sentenza della Cassazione che è chiarissima sul punto».

“La Procura di Caltagirone – commenta Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia, ha ribadito quello che noi diciamo da anni, e cioè che si tratta di un’opera abusiva, perché edificata sulla scorta di provvedimenti amministrativi palesemente illegittimi e come tali disapplicabili dal Giudice penale. Legambiente  – conclude Zanna – è sempre stata presente in ogni processo contro il Muos, e continuerà a seguire la vicenda in ogni grado di giudizio. La battaglia non è ancora persa, occorre che la mobilitazione di associazioni e cittadini continui”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>